I disturbi funzionali rappresentano il secondo motivo per visita ambulatoriale neurologica dopo la cefalea ed hanno una prevalenza stimata del 6% nella popolazione generale.

La loro diagnosi non deve essere effettuata solo per esclusione ma deve essere basata su segni positivi per evitare di sottoporre il paziente ad indagini inutili, laboriose o potenzialmente pericolose.

Bisogna anche ricordare che una parte dei disturbi funzionali NON sono associati ad altre manifestazioni psichiatriche.

Generalmente le caratteristiche cliniche ed anamnestiche dei disturbi funzionali sono le seguenti:

  • Distraibilità
  • Variabilità e fluttuazione dei sintomi
  • Sintomi di depersonalizzazione e derealizzazione

Per comodità divideremo le caratteristiche semiologiche dei disturbi funzionali in base ai sistemi coinvolti:

  • Deficit motori:
    • Segno della slivellamento senza pronazione: a braccia supine ed estese, il braccio paretico slivella senza pronare.
    • Segno dell’abduzione del dito: dopo due minuti di abduzione forzata delle dita nella mano controlaterale compaiono movimenti sincinetici di abduzione delle dita nella mano apparentemente plegica
    • Segno di Hoover: la gamba apparentemente plegica spinge verso il basso per attivazione sincinetica all’elevazione contro resistenza della gamba controlaterale
    • Segno dell’abduttore: mentre si fa abdurre la gamba controlaterale contro resistenza la gamba apparentemente plegica compie un’abduzione compensatoria
  • Deficit visivi:
    • Visione tubulare: l’ampiezza del difetto del campo visivo è identica a prescindere dalla distanza
    • Fogging test: in caso di disturbo visivo monoculare, nella visione binoculare con la progressiva apposizione di lenti sfuocanti nell’occhio controlaterale, il soggetto riferisce di vedere comunque bene.
  • Deficit sensitivi:
    • Deficit a macchia di leopardo
    • Emianestesia a lama di coltello cioè il passaggio dell’area con deficit della sensibilità all’area sana è brusco ed è esattamente al centro del corpo (NB tuttavia infarti talamici possono presentarsi con tale sintomatologia)
  • Disturbi del movimento:
    • Fenomeno del trascinamento: se si fanno compiere dei movimenti ripetitivi ad una data frequenza all’arto controlaterale il tremore acquista la stessa frequenza nel lato affetto
    • Esordio acuto, rapidamente progressivo e doloroso della distonia con tendenza a posture fisse all’inizio della malattia in assenza di gesti antagonisti e senza peggioramento durante l’azione.
    • Tremore a riposo che scompare durante la deambulazione
  • Crisi epilettiche:
    • Lunga durata
    • Chiusura forzata degli occhi con opposizione all’apertura
    • Ricordo dell’evento anche in caso di crisi con apparente perdita di coscienza
    • Manifestazioni anomale quali arco di Charcot (atteggiamento in iperestensione del tronco e degli arti superiori, con appoggio completo delle piante dei piedi sul piano) , movimenti ondulatori od asincroni

La comunicazione della diagnosi rappresenta un importante momento anche terapeutico ed è necessario per il neurologo rassicurare il paziente che è veramente affetto da una patologia, sebbene non organica, e che non sta fingendo i sintomi. È necessario quindi dedicare un tempo congruo a questo aspetto ed usare un linguaggio ed un vocabolario adatto.

La terapia deve essere condotta all’interno di un team multidisciplinare composto dal neurologo, dallo psichiatra, dallo psicologo e dal fisioterapista. La riabilitazione motoria e la psicoterapia cognitivo-comportamentale unitamente all’utilizzo di farmaci per gli eventuali disturbi psichiatrici associati rappresentano la terapia di scelta.

Andrea Plutino – Università Politecnica delle Marche

Bibliografia:

Daroff, Jankovi, Mazziotta, Pomeroy. Bradley’s Neurology in Clinical Practice – 7th edition. Elsevier (2016)

Micieli, Cavallini, Ricci, Consoli, Sterzi. La neurologia dell’emergenza-urgenza – Terza edizione. Il pensiero scientifico editore (2019)

Thenganatt, Jankovic. Psychogenic (Functional) Movement Disorders. Continuum (Minneap Minn). 2019 Aug;25(4):1121-1140

Tremolizzo, Susani, Riva, Cesana, Ferrarese, Appollonio. Positive signs of functional weakness. J Neurol Sci. 2014 May 15;340(1-2):13-8

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi